Montella esonerato, riassunto di una carriera mediocre

Montella esonerato, riassunto di una carriera mediocre

Vincenzo Montella
loading...

In tarda mattinata, il Milan ha comunicato di aver esonerato Vincenzo Montella. Finalmente, dico io. Era ora, dicono i tifosi milanisti. Montella è quel tipo di allenatore che, nonostante le cose buone fatte la passata stagione, non è adatto a una grande squadra. Soprattutto a una grande squadra in fase di rilancio come il Milan.

Montella e la carriera mediocre

Del resto, la sua carriera non è stata poi così illuminante. A Catania, quando era alle prime armi, è stato esonerato dopo pochissimo tempo. A Roma, sponda giallorossa, stessa musica. Poi è arrivato a Firenze, dove in tre anni di guida tecnica della Fiorentina è riuscito a portarla per ben due volte in Europa League. Poi la parentesi durata sei mesi alla Sampdoria, un’altra esperienza disastrosa. Infine il Milan, che l’anno passato è riuscito a portarlo in Europa League. Quest’anno, però, nonostante il mercato faraonico stile Real Madrid non ha fatto bene. In campionato l’ultima vittoria risale al 20 settembre, Milan-Spal. In stagione, le cose vanno meglio in Europa League dove ha fatto passare il girone ai rossoneri da primi in classifica. Ma c’è anche da dire che in quel girone c’erano Austria Vienna, Rijeka e Atene (con cui è riuscito a pareggiarci sia all’andata che al ritorno!).

Montella è un allenatore “medio”, uno con poche certezze (lo sapevate che nelle 23 partite disputate in questa stagione ha schierato 23 formazioni diverse?). E questo, di certo, non lo ha aiutato. Il Milan lo ha esonerato stamattina, dopo un avvio di campionato (anche se ormai siamo già a metà) disastroso. Era ora, un esonero con due mesi di ritardo.

(7)

Comments

commenti

Facebook Comments